Via Alfredo Santucci, 6 - Avezzano
0863 1940160
info@accademiamusicale.eu

Orchestrazione – Come distribuire le voci in un accordo

Orchestrazione – Come distribuire le voci in un accordo

ORCHESTRAZIONE la disposizione delle voci

Orchestrazione – Come distribuire le voci

Uno degli scogli più grandi che ci si trova ad affrontare nell’orchestrazione, è come distribuire le voci.

 

Cosa vuol dire distribuire le voci nell’orchestra?

Per semplicità cercherò di generalizzare e riassumere il tutto partendo da un singolo accordo.

Supponiamo che tu debba orchestrare un accordo, quindi senza muovere le voci, lasciando solo la nota tenuta.

La distribuzione delle voci è legata, nel nostro caso in particolare, anche alla distribuzione dei suoni, cioè a chi faccio suonare quella specifica nota.

Questo significa in breve distribuire le voci.

Nell’orchestrazione le scelte da fare sono sempre diverse e molte possono essere “errate” poiché generano un cattivo effetto sonoro.

Quindi, come facciamo a stabilire cosa è giusto e cosa no?

 

Come distribuire le voci di un accordo in orchestra?

L’orchestrazione è un’arte, e come tutte le arti è anche soggetta al gusto di chi ne fruisce.

Mi è capitato spesso di sentir criticare da docenti di conservatorio le orchestrazioni di molti compositori tra cui alcuni grandi del passato o di alcuni nostri contemporanei ma senza riuscire a dare un’alternativa valida a ciò che era già stato scritto.

Il discorso della disposizione delle voci in orchestra è assolutamente personale e legato a ciò che con la nostra tecnica di scrittura vogliamo dire in quel momento.

Come distribuire le voci in un’orchestra sinfonica

Prendendo in esame l’immagine riportata, la mia scelta di orchestrazione è incentrata sul far emergere la tonica dell’accordo.

Infatti, come puoi notare dall’immagine, la distribuzione delle voci fa sì che il Re, la tonica, sia ben presente.

Ho preso un esempio con un organico relativamente piccolo, senza tromboni, tuba e percussioni, solo i timpani.

ORCHESTRAZIONE la disposizione delle voci

Naturalmente la mia scelta è legata a quel determinato momento ma avrei potuto pensare di cambiare radicalmente la distribuzione delle voci mettendo, ad esempio, celli e contrabbassi all’unisono e facendo suonare i violini primi e secondi un’ottava più alta.

In questo caso avrei avuto molta meno profondità nell’accordo e avrei evidenziato di molto la parte acuta.

In quel caso, inoltre, avrei indebolito la sonorità dei due flauti perché sarebbero stati all’unisono con i violini primi.

Lasciando invece tutto come scritto e spostando soltando il timpano di un’ottava più in alto, avrei perso la dinamica e la profondità che i timpani riescono a dare insieme ai contrabbassi, soprattutto su certe frequenze.

Come avrai potuto notare, le tipologie di distribuzione delle voci sono davvero moltissime e personalmente non credo esista sempre un concetto di giusto e sbaglaito.

Ciò che esiste di sicuro, è il risultato sonoro che vuoi ottenere con la tua orchestrazione, in un determinato momento.Video Corso di Orchestrazione dal Computer all orchestra reale stefano fonzi

Per capire meglio cosa vuol dire distribuire le voci in orchestra, prova a prendere questo esempio che ti ho indicato e ad orchestrarlo distribuendo le voci nei vari modi che ti vengono in mente, anche senza alcuna regola, se non quelle legate all’estensione e alle sonorità di ogni singolo strumento.

Nel mio video corso di orchestrazione, parlo a lungo della distribuzione delle voci e non solo.

 

 

 

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now Button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi