Pensare per Orchestra, il primo passo da fare prima di scrivere!

Pensare per orchestra è la prima mossa che un orchestratore deve fare prima di iniziare a scrivere.

Non si può andare per tentativi, bisogna rispettare determinate regole fondamentali prima di iniziare ad orchestrare un brano.

 

Pensare per Orchestra – I 5 elementi da conoscere

Ogni buon orchestratore sa che ci sono queste 5 regole fondamentali prima di mettere “su carta” le idee di orchestrazione.

Vanno rispettate e sono le basi per un giusto e corretto processo di scrittura.

Vediamo una per una quali sono e perché sono così importanti!

 

Conoscere le estensioni

Ogni strumento ha una determinata estensione che deve essere rispetta e che è alla base della tua scrittura orchestrale.

La prima cosa da fare, quindi, sarà quella di conoscere alla perfezione tutte le estensioni degli strumenti per i quali stai scrivendo.

Sarà fondamentale conoscere le posizioni dello strumento, per evitare di scrivere “sequenze di note” insuonabili o eccessivamente complesse.

Scrivere passaggi complessi, naturalmente, non vuol dire scrivere passaggi ineseguibili ma a volte, conoscendo bene la tessitura dello strumento, si possono evitare agli esecutori inutili perdite di tempo nello studio di alcuni passaggi particolarmente complessi che potrebbero essere utilizzati, magari semplicemente cambiando la tonalità del brano.

Un esempio fra tutti, potrebbe essere quello di una scrittura di un brano nella versione originale per pianoforte che deve essere trascritto per fiati.

Molti fiati sono strumenti traspositori, per cui bisogna prestare attenzione a scegliere la tonalità per loro più “comoda”.

 

Conoscere le peculiarità

Altro step fondamentale è la conoscenza delle peculiarità di ogni strumento.

Un esempio fra tutti, l’arpa!

L’arpa è uno strumento che ha delle caratteristiche straordinarie ma ha delle difficoltà di esecuzione legate proprio alla struttura dello strumento.

Semmai ti dovesse capitare di scrivere per arpa, evita i cromatismi!

Perché?

Perché l’arpa ha un pedale per ogni nota e in base alla posizione del pedale la nota cambia di un semitono… per cui…!!!!!

 

Conoscere il risultato sonoro di ogni singolo strumento

Bisogna senza dubbio conoscere le estensioni degli strumenti, ma anche il risutlato sonoro degli stessi!

Sì, perché il suono degli strumenti varia in base a molti fattori, non ultimo “l’altezza” del suono che cambia spesso il registro sonoro dello strumento.

 

Conoscere il risultato sonoro degli impasti

La fusione dei suoni tra più strumenti è il vero segreto dell’orchestratore! Quando orchestri, devi conoscere il risultato sonoro dello strumento sia in solo che con gli altri! Il mix generato dalle sonorità di più strumenti è il vero segreto dell’orchestratore!

 

Conoscere il pensiero del compositore

Infine, ma non meno importante, la conoscenza approfondita del pensiero del compositore! Naturalmente più semplice se sei tu a comporre ed orchestrare la tua musica! Non devi “rendere conto” a nessuno e ogni scelta, purché rispetti i giusti criteri, potrebbe essere quella giusta!

 

I 5 principi di orchestrazione si applicano sia all’orchestra reale che all’orchestra virtuale.

Di questo ho già parlato in questo articolo.

 

Orchestrazione Virtuale Vs Orchestrazione Reale

 

Lascia un commento