La tensione degli accordi in relazione al ruolo

VIDEO LEZIONE

 

ACCORDI A PARTI STRETTE E ACCORDI A PARTI LATE

Un accordo ha una disposizione a parti strette quando la distanza massima tra la nota più grave dell’accordo e quella più acuta è inferiore ad un’ottava.

Un accordo è a parti late quando l’intervallo tra la nota più acuta e quella più grave dell’accordo è superiore all’ottava.

Di seguito alcuni esempi dello stesso accordo scritto a parti strette e a parti late.

 

ACCORDI A PARTI STRETTE E A PARTI LATE

 

 

ESERCIZI RIEPILOGATIVI

Partendo dall’esempio riportato di seguito, crea dei giri armonici in tutte le tonalità maggiori e minori utilizzando le posizioni a parti late degli accordi e cercando di muovere meno possibile le voci, così come riportato di seguito.

NB nella sequenza riportata nell’esempio, ho omesso la quinta dell’accordo pur di spostare meno possibile le voci.

Dovendo scegliere quale nota omettere in un accordo è sempre meglio omettere la quinta, soprattutto se si tratta di un accordo di quinto grado.

 

Le sequenze da creare dovranno essere:

  1. I – VI – IV – V – I
  2. I – VI – II – V – I
  3. I – VI – IV – II – V – I

Nel terzo esempio ti consiglio di sviluppare la struttura in questo modo:

prima misura con il I GRADO, la seconda misura con il VI Grado, la terza misura divisa in due parti uguali tra IV grado prima e II grado poi, la quarta misura con il V grado e la sesta misura conclusiva con il I Grado.

I GRADO   |   IV GRADO   |   IV GRADO   II GRADO    |   V GRADO   |   I GRADO 

Notifiche