Max Richter è un compositore e pianista tedesco tra i più apprezzati degli ultimi anni.

MAX_RICHTER

Compositore e musicista portentoso.

Considerato l’architetto di una rivoluzione elettronica post-minimalista ai confini della musica classica, Richter ha studiato pianoforte presso la prestigiosa università di Edimburgo successivamente alla Royal Academy of Music di Londra per poi specializzarsi presso l’Accademia di Luciano Berio di Firenze. Il compositore tedesco è uno degli artisti più portentosi del panorama musicale contemporaneo. La sua patria, la Germania, vanta anche la paternità di altri due celebri compositori contemporanei di colonne sonore, Hans Zimmer e Klaus Badelt.

Rivoluzione nel modo di approcciarsi alla musica.

Sia come compositore che come pianista o produttore ha rivoluzionato il modo di approcciarsi alla musica degli ultimi anni. Attraverso l’utilizzo di sintetizzatori e computer affiancati ad un’orchestra sinfonica completa, il lavoro innovativo di Richter comprende album solisti, balletti, spettacoli in sale da concerto, serie di film e televisione, installazioni di video arte e opere teatrali.

Le collaborazioni di successo.

Per alcuni anni ha fatto parte dell’ensemble, che ha collaborato con Arvo Pärt, Brian Eno, Philip Glass, Julia Wolfe e Steve Reich ed ha prodotto cinque album. Nel 1996 ha collaborato con i Future Sound of London per il loro album Dead Cities. Successivamente ha lavorato con la band per un periodo di circa due anni, partecipando anche agli album The Isness e The Peppermint Tree and Seeds of Superconsciousness.

Produttore innovativo.

Nel 2000 Richter ha lavorato con Roni Size ed i suoi Reprazent per il disco In the Møde. Nel 2005 ha prodotto l’album Lookaftering di Vashti Bunyan e nel 2008 Rocking House di Kelli Ali. Nel 2002 ha pubblicato il suo album d’esordio da solista: Memoryhouse, un disco di musica sperimentale registrato con la orchestra filarmonica della BBC.

Nel suo secondo album The Blue Notebooks, pubblicato nel 2004, Richter ha preso spunto dai Quaderni in ottavo di Franz Kafka ed ha coinvolto l’attrice Tilda Swinton, che nel disco legge alcuni passi. Nel 2006 ha pubblicato il suo terzo album, Songs from Before, a cui ha partecipato Robert Wyatt ed indirettamente Haruki Murakami.

24 Postcards in Full Colour.

Il quarto album, 24 Postcards in Full Colour, è una raccolta di 24 mini-composizioni uscita nel 2008. Nel 2010 ha distribuito Infra, una composizione di 25 minuti eseguita da piano, elettronica e quintetto d’archi scritta come accompagnamento per una coreografia di Wayne McGregor. La sua musica può essere ascoltata in Shutter Island di Martin Scorsese, nel pluripremiato Waltz with Bashir di Ari Folman, così come nello show televisivo Black Mirror di Charlie Brooker  e The Leftovers- svaniti nel nulla- della HBO.

Sleep: l’album della durata di otto ore.

Considerato come il compositore più influente della sua generazione, Max Richter è una forza pioniera nella scena musicale contemporanea. Max ha recentemente aperto il festival SXSW con il suo innovativo album di otto ore SLEEP

La sua musica al servizio della altre “arti”.

L’album di Richter, Three Worlds: music from Woolf Works, ha riscosso un enorme successo in seguito alla sua collaborazione con il coreografo Wayne McGregor nel pluripremiato balletto Woolf Works , descritto dall’Observer come “un’esperienza avvincente e commovente”. Più di recente, Richter ha annunciato una ristampa del suo capolavoro,  The Blue Notebooks , per il 15 ° anniversario dell’album con l’etichetta discografica tedesca Deutsche Grammophon .

La musica per il cinema indipendente.

Discorso a parte meritano le colonne sonore di Richter, scritte sia per il cinema che per la televisione. Una delle più importanti è la colonna sonora del film del 2007, Valzer con Bashir di Ari Folman, che gli è valso un European Film Award quale miglior colonna sonora. Ha scritto inoltre la musica per il film indipendente Henry May Long (2008) e per Die Fremde di Feo Aladag.

Serie Tv e documentari.

Nel 2010 ha partecipato alla colonna sonora del film Shutter Island di Martin Scorsese con On the Nature of Daylight e il suo remix, inserito anche in Arrival di Denis Villeneuve del 2016, nonché in Agnus Dei (o Les Innocentes) di Anne Fontaine sempre del 2016. Inoltre ha scritto la colonna sonora del documentario di Peter Richardson How to Die in Oregon e di Les Impardonnables di André Téchiné (2011).

https://www.youtube.com/watch?v=qtnmvHMQtcI

La musica di Richter scelta dai grandi registi.

Il suo brano Sarajevo , tratto dall’album Memoryhouse, è stato inserito in Venuto al mondo di Sergio Castellitto, nei trailer internazionali dei film Prometheus di Ridley Scott (2012) e film Need for Speed di Scott Waugh (2014). La traccia November, presente anch’essa in Memoryhouse, è inclusa nel trailer dei film To the Wonder di Terrence Malick e J. Edgar di Clint Eastwood. Due altri film che includono brani di Richter sono Perfect Sense di David Mackenzie e La chiave di Sara di Gilles Paquet-Brenner.

Una lunga serie di successi.

L’album “Memoryhouse ” è stato descritto da The Independent e Pitchfork Magazine come un “punto di riferimento”, mentre il suo album del 2004 ” The Blue Notebooks ” è stato scelto da The Guardian come una delle migliori opere classiche del secolo. “ SLEEP” , il suo concerto di otto ore e mezza, è stato trasmesso ed eseguito in tutto il mondo, anche alla Sydney Opera House, al Kraftwerk di Berlino, al Concertgebouw di Amsterdam, alla Philharmonie de Paris e al Barbican di Londra. Nel 2012 Richter ha “ ricomposto ” il famigerato Four Seasons di Vivaldi  ,  aggiudicandosi il prestigioso ECHO Classic Award, e un posto affermato nelle classifiche classiche.

Svaniti nel nulla e l’amica geniale.

Richter ha scritto in modo prolifico per il cinema e la televisione, con progetti recenti tra cui Hostiles, Black Mirror ,  Taboo e la serie The Leftovers – svaniti nel nulla– che gli sono valsi una nomination agli Emmy. Nel 2018 è autore delle musiche della serie tv prodotta da Rai Fiction, HBO, Fandango e TIM Vision L’amica geniale. tratta dal romanzo di Elena Ferrante.

Stile serio e sincero.

Di recente ha composto musica per i film: Cocaine la vera storia di White Boy Rick, Maria Regina di Scozia, Ad Astra di Brad Pitt e per numerose serie tv di fantascienza. Richter lavora con un tono sincero e serio; molti dei suoi pezzi potrebbero essere descritti come belli. È uno stile in contrasto con l’imperscrutabilità alla moda del postmodernismo.

La musica al servizio del Balletto.

Negli ultimi anni la musica di Richter è diventata un pilastro per molte delle principali compagnie di balletto del mondo, tra cui The Mariinski Ballet, La Scala di Milano, The Joffrey Ballet, New York City Ballet, The Paris Opera Ballet, American Ballet Theatre. Le sue collaborazioni con Wayne McGregor per il Royal Ballet sono state ampiamente acclamate.

Complessità di emozioni.

Nessun compositore contemporaneo esprime sullo schermo la stessa complessità di emozioni di Max Richter, il cui lavoro pervade la cultura moderna, dal film alla televisione, dalla danza al teatro. Le commissioni più recenti di Richter provengono dalla città di Bonn per celebrare il 250 °anniversario di Beethoven e un’ulteriore collaborazione tra lo stesso compositore e Margaret Attwood basata sulla trilogia di romanzi Maddaddam della stessa poetessa.

Lascia un commento