Colonne sonore: The Promise di Klaus Badelt.

The Promise è la colonna sonora dell’omonimo film cinese diretto Chen Kaige del 2005.

La colonna sonora è un perfetto esempio di ciò di cui è capace il compositore tedesco amato dal cinema di Hollywood , Klaus Badelt, quando lascia i suoi sintetizzatori a casa e scrive musica per un’orchestra sinfonica piena, chiara e lussureggiante.

The promise la colonna sonora di Klaus Badelt

Una bella colonna sonora a tema etnico.

The promise è una colonna sonora di azione e avventura a tema etnico ed è paragonata spesso al suo precedente lavoro per The Time Machine, e sebbene sia molto buono, manca della superba varietà tematica e sviluppo che ha reso The Time Machine grande. Questa è una colonna sonora ben fatta, che prende in prestito da altre colonne sonore asiatiche, come Crouching Tiger, Hidden Dragon e The House of Flying Daggers, ma fornisce anche un’atmosfera potente e maestosa al film. Questo viene fatto con una forte presenza di ottoni, che è uno standard per una partitura Badelt, ma non così comune nelle partiture asiatiche. The Promise è una partitura più lenta, un po ‘sulla falsariga di Ned Kelly di Badelt, senza le percussioni in movimento o le linee di archi dalla partitura di Hans Zimmer.

Un lavoro potente e maestoso: Tra una grande orchestra e le sonorità orientali.

I potenti ottoni – principalmente corni francesi – possono essere in parte alle orchestrazioni di Robert Elhai, che lavora comunemente con Elliot Goldenthal e Brian Tyler. Questo tono d’ottone, tuttavia, ha più in comune con il suo lavoro su Reign of Fire di Edward Shearmur, e in alcuni casi suona effettivamente come una variazione su quel tema. Altre parti della colonna sonora assumono la sensazione del lavoro d’azione più recente di James Horner, vale a dire Troy, durante alcune delle battute più veloci verso la fine della colonna sonora. L’album è lungo, arriva a oltre 70 minuti, ma non sembra troppo. Il tema principale di Badelt è usato liberamente e con buoni risultati. Il primo spunto, “Freedom of the Wa” è uno dei migliori dell’album e un suono unico. Le voci femminili, come quelle usate in The Time Machine, aprono lo spunto e sono rapidamente accompagnate da percussioni sobrie e accordi di ottoni. I due strumenti asiatici che Badelt utilizza sono il koto e il fue. Il miglior uso di quest’ultimo è in “Snow Country“, dove fornisce una sensazione fredda alla musica. Dopo lo spunto di apertura, la percussione rimane al minimo fino agli 8 minuti di “The Robe” dove torna in vigore. Gli altri due momenti salienti dell’azione sono “Princess Kite” e “Stampede“, entrambi sfruttano appieno il tema in varie forme.

La parabola fantastica di una principessa cinese- La storia.

The Promise è la combinazione di un’orchestra occidentale con esibizioni soliste di strumenti cinesi, e la colonna sonora di Badelt per il film visivamente sontuoso del regista Chen Kaige è l’ultima ad entrare a far parte di una lunga e distinta lista, insieme a artisti del calibro di The Joy Luck Club di Rachel Portman, Il padiglione delle donne di Conrad Pope, Il tocco di Basil Poledouris e Il drago nascosto della tigre accovacciata di Tan Dun, vincitore di un Oscar. Il film fa parte del genere azione e fantasy storico cinese, è una parabola fantastica su una principessa cinese di nome Qingcheng (Cecilia Cheung) che fa un patto con una dea,in cambio di ricchezza e bellezza eterne, ed accetta di non avere mai un vero amore duraturo. Ogni uomo di cui si innamora morirà. Quando viene attaccata dalle forze del malvagio Wuhuan (Nicholas Tse), Qingcheng viene salvata da un eroico guerriero, che crede essere il generale Guangming (Hiroyuki Sanada). In realtà, il suo eroe è Kunlun (Jang Dong-Kun), il servitore di Guangming, che indossa l’armatura del suo padrone, che si è innamorato della principessa, nonostante la portata della sua maledizione. Tuttavia, quando Qingcheng si impegna a essere la regina di Guangming, Kunlun è impazzito dall’amore e scompare nel deserto, dove gli vengono insegnati poteri mistici e magici dal misterioso popolo dei Lupi delle Nevi. Anni dopo, ora lui stesso un temibile guerriero, Kunlun torna per reclamare la mano del suo vero amore, ma si ritrova a competere per i suoi affetti sia con Guangming che con il malvagio Wuhuan, che vuole la principessa come sua schiava.

Genesi della sontuosa colonna sonora.

Il film è stato nominato per un Golden Globe come miglior film in lingua straniera nel 2005 ed è il film cinese più costoso mai realizzato, con un budget da dove cominciare per descrivere l’eccellente punteggio di Klaus Badelt, perché ci sono così tante cose fantastiche al riguardo. La performance della Chinese National Symphony Orchestra è superba, la dimensione dell’orchestra sembra enorme, raggiungendo spesso proporzioni monumentali ed epiche, soprattutto nelle sequenze d’azione e durante le esecuzioni più sontuose dei temi. Forse la cosa migliore, tuttavia, è che Badelt ha rinunciato quasi completamente ai suoi sintetizzatori: solo gli abbellimenti elettronici più sottili sono rilevabili ovunque nella partitura, e anche allora sono solo per effetto atmosferico, o per aggiungere una diversa consistenza percussiva. È impossibile sottovalutare quanto sia migliorato rispetto al suo lavoro precedente.

L’analisi dei brani più suggestivi.

L'apertura "Freedom of the Wa" è semplicemente sbalorditiva, con la performance unica, rauca, ma totalmente ipnotizzante del cantante Hang Yue, che intona una canzone in mandarino altamente stilizzata ma innegabilmente efficace tra i ranghi ammassati dell'orchestra. La musica d'azione, caratterizzata da spunti come "Save the King", "Saving a Princess" e "Stampede" è potente ed emotivamente carica, facendo un ottimo uso della sezione degli ottoni e molto spesso trasporta anche la melodia. Una o due volte ci sono echi stilistici di alcune delle parti più spericolate di Pirati dei Caraibi, ma nel complesso Badelt evita i dispositivi ritmici semplici e piacevoli della folla di quella colonna sonora e tenta qualcosa di più artisticamente stimolante qui.
Vi sono anche molti tocchi strumentali intelligenti che vale la pena menzionare: il cimbalom che aggiunge un tocco di misticismo a spunti come "Love Theme" e "Feather Fight", e diversi interludi con il deliziosamente evocativo flauto di bambù dizi, in particolare il tema principale lunatico , "Wuji". L'inquietante "Snow Country" presenta un elemento corale totalmente inaspettato, ma magico, che combina i toni torturati di Yue con un coro di bambini. L'effetto complessivo si trova sopra, piuttosto che all'interno della performance orchestrale, ma lo integra meravigliosamente bene.



Opera a piu’ livelli e multistrato.

Tuttavia, forse la cosa più impressionante di The Promise è il fatto che si tratta di un'opera a più livelli e multistrato che non smette mai di essere interessante, offre continuamente qualcosa di nuovo e mantiene il suo slancio per l'intera durata dei suoi 73 minuti. Ogni personaggio principale nella piazza centrale dell'amore - Kunlun, Qingcheng, Guangming, Wuhuan - ha un tema completamente formato, indipendente, chiaramente distinguibile, che sottolinea la loro natura e le loro azioni. "Kunlun, the Slave" è agrodolce, malinconico, ma con una speranza di sfida, che si basa su uno splendido assolo di erhu per racchiudere tutta la potenza dell'orchestra, completa di fragori di piatti e ondate di gong rotanti. La sorprendente ricapitolazione, e la successiva delicata decostruzione, in “Come Back” è di una bellezza straziante.

La colonna sonora illustra in maniera completa i percorsi romantici dei protagonisti del film.

Qingcheng, the Princess” è un brano  più tranquillo e più introspettivo, ancorato all’elemento più occidentale della sezione del violino. “Guangming, the General” è un inno potente a cui Zimmer sarebbe orgoglioso di dare il suo nome, una marcia marziale trainante con esibizioni di corno fragorose, fanfare e svolazzi di accompagnamento e percussioni drammatiche. “Wuhuan, il Duca” ha una qualità subdola, leggermente pericolosa, ma oscuramente romantica, con violoncelli più prominenti. In tutta la colonna sonora, questi quattro temi si intrecciano dentro e intorno e dentro l’altro, illustrando i complicati percorsi romantici intrapresi dai protagonisti e dando vita alle loro storie.

Lascia un commento