MICROFONI home studio

Dopo aver approfondito argomenti come la creazione di un home studio e un home studio semi professionale e dopo aver approfondito tutti i migliori modelli di schede audio è arrivato il momento di conoscere i migliori modelli di microfoni per l’home studio recording.

I tipi di microfono.

I tipi più comuni di microfoni  per la registrazione negli home studio sono due: i microfoni dinamici e quelli a condensatore. I microfoni dinamici sono perfetti per le prestazioni dal vivo ed è più robusto e durevole. Il microfono a condensatore è un tipo di microfono adatto a registrare poiché più sensibile e dettagliato. Ha una migliore risposta in frequenza e ai transienti rispetto ad un dinamico

I microfoni dinamici.

I microfoni dinamici sono ottimi sui palchi o in ambienti più rumorosi e sono spesso visti nelle mani dei cantanti, accanto a grancassa o appoggiati contro i cabinet degli amplificatori per chitarra. Spesso presentano un pattern di pickupcardioide“, che prende l’audio da un singolo asse, ovvero la parte anteriore o laterale del microfono. Ciò consente loro di concentrarsi sulla voce di un cantante, ad esempio, rifiutando anche i segnali da altre angolazioni. Ciò li rende anche attraenti per gli utenti esterni, dove il modello di pickup può filtrare efficacemente il rumore ambientale mentre si concentra sulla sorgente sonora scelta.

I microfoni a condensatore.

I microfoni a condensatore, d’altra parte, possono essere per lo più divisi in due campi distinti. In primo luogo, i microfoni a condensatore a diaframma largo conferiscono sapore e colore a un suono e sono perfetti per voce, parlato e strumenti acustici. Al contrario, i condensatori a diaframma piccolo sono scelte eccellenti per la precisione tonale e producono un risultato più coerente in tutto lo spettro di frequenza. Per rendere ottimali le prestazioni del tuo home studio è necessario un microfono di registrazione in grado di catturare con precisione un segnale audio di qualità: è una base per qualsiasi produttore discografico o musicista. 

La nostra selezione: NT1 RODE.

L’NT1 originale di Rode è stato rilasciato circa 20 anni fa, seguito dall’NT1A pochi anni dopo. Ora l’azienda è tornata al vecchio nome con un modello NT1 rilasciato di recente che sembra molto simile all’NT1A ma in realtà è stato completamente ridisegnato da zero: l’unico componente in comune con l’NT1A è la griglia a rete. C’è la nuova capsula HF6, progettata per presentare una firma sonora simile ai preferiti vintage ma con un rumore estremamente basso. Poi c’è il fatto che il trasduttore è sospeso all’interno del microfono utilizzando il sistema Lyre di Rycote, che dovrebbe ridurre al minimo le vibrazioni esterne. Rode afferma inoltre che l’NT1 è il microfono a condensatore cardioide da 1 pollice più silenzioso al mondo grazie all’elettronica di alta qualità che mantiene il livello di rumore interno fino a 4,5 dBA.

RODE NT1A

SHURE MV7.


Shure è stato a lungo uno dei primi nomi che podcaster, vlogger e streamer professionisti cercano per i loro microfoni, e con l’MV7 è facile capire perché. L’MV7 è l’ideale per queste applicazioni, con alcuni accorgimenti a portata di mano per rendere l’esperienza di registrazione il più semplice e gratificante possibile. Ci piace particolarmente l’app MOTIV complementare, che ti consente di scegliere preset vocali specifici per dare al tuo suono una lucentezza professionale.  Certo, può gestire queste applicazioni in un attimo, ma questo è un microfono specifico per il parlato e, per questo, l’MV7 è davvero un’opzione altamente capace.

Un ottimo condensatore portatile AKG C636.

Come microfono a condensatore, L’Akg C636 è intrinsecamente più complesso dei suoi fratelli dinamici, una complessità che ha un costo sia in ricerca e sviluppo che in produzione. I problemi con il rifiuto del feedback e il rumore di gestione devono essere bilanciati con i compromessi nella qualità del suono. Dietro il semplice esterno nero e la leggerezza in mano, il C636 vanta seri tagli di design per dargli il soprannome di “Master Reference“. Il suono è chiaro e pieno, molto più lineare e “reale” rispetto alle sue controparti con microfono dinamico. La gamma delle alte frequenze è presente e ben definita. 

NEUMAN TLM 102.

Offrendo una riproduzione cristallina su tutta la gamma di frequenze, con un bel salto intorno al segno di 6 kHz, il TLM 102 è un microfono specializzato che farà miracoli per mix. Questo non vuol dire che non possa fare altre applicazioni però. È dotato di una soglia di pressione sonora relativamente alta, quindi registrare sorgenti rumorose come batterie e amplificatori per chitarra non è fuori discussione. Tutto sommato, questo è un investimento ideale per chiunque desideri aggiornare la propria attrezzatura di registrazione e portare le proprie tracce a un nuovo livello. 

NEUMAN TLM 102

Microfono a nastro Rode NTR.

Elettronicamente, l’NTR è attivo, funziona con alimentazione phantom a 48V e ha un trasformatore integrato che offre un’uscita elevata in modo che il microfono non sia così schizzinoso sui requisiti del preamplificatore come altri microfoni a nastro e può, un fatto confermato dai nostri test, essere utilizzato con un’ampia gamma di preamplificatori senza dover aumentare il guadagno fino a livelli che generano rumore.   Su una varietà di sorgenti sonore il microfono fornisce una rappresentazione molto naturale di qualsiasi cosa gli venga posta di fronte con un sacco di bassi e un top chiaro con un roll-off naturale, piuttosto che la luminosità spesso eccessiva progettata in alcuni condensatori .

Il miglior microfono a valvola in circolazione: SONTRONICS ARIA.

Con tutto collegato, la prima cosa che è ovvia con l’Aria è quanto suoni naturale. C’è sicuramente un leggero aumento di presenza, ma questo è nella parte medio alta piuttosto che nel territorio delle sibilanti. Oltre a questo non c’è clamore ad alta frequenza, o la fragilità che affligge i microfoni di quel genere. Quindi, l’attenzione è attirata dai bassi e dai medi bassi. Questi sembrano solidi e sebbene ci sia un piccolo effetto di prossimità, non è affatto prepotente. Alla voce, l’Aria offre un suono fedele e quando ti addentri con una consegna più energica risponde molto bene. Con la chitarra acustica è facile catturare un suono non rimbombante e, ancora una volta, il suono non esaltato è eccezionale. La risposta fluida si presta anche a suoni complessi come amplificatore per chitarra, archi e percussioni.

AUDIO TECHNICA AT 5040.

Con un nuovo microfono a condensatore a diaframma largo raramente c’è qualcosa di insolito da discutere. Dopotutto, l’attenzione è in genere sulla risposta in frequenza generale, sul modello di rilevamento, sulla qualità costruttiva e sul suono. L’AT5040 di Audio Technica spunta tutte le scatole di un tipico microfono a condensatore di fascia alta con alimentazione phantom con il suo design a componenti discreti, basso rumore, elevata maneggevolezza SPL e supporto antiurto decente. Guarda più da vicino, tuttavia, e troverai alcuni tocchi speciali.

Lascia un commento